[vc_row type=”vc_default”][vc_column width=”2/5″][vc_single_image image=”2578″ img_size=”full”][/vc_column][vc_column width=”3/5″][vc_column_text]

Chi Brucia

Harraga. È il termine arabo che indica i migranti che bruciano i propri documenti d’identità per attraversare illegalmente la frontiera e tentare una via d’ingresso in Europa. Marco Benedettelli, testimone attento e sensibile, ne ha seguito nel 2011, anno infiammato dalla Primavera araba, gli spostamenti, le speranze, le paure, in un lungo itinerario che lo ha condotto nelle zone nevralgiche del fenomeno migratorio tuttora in atto nel Mediterraneo e in particolare in Italia, terra di approdo e di transito per quelli che cercano una nuova vita in fuga da povertà, guerre, dittature. Dalla Tunisia a Lampedusa, dalla Libia a Ventimiglia, da Malta a Roma e fino alla problematica realtà dell’Hotel House di Porto Recanati nelle Marche, Chi brucia è un diario di viaggio coinvolgente e appassionato in cui la verità scottante del reportage s’intreccia a brani di felice invenzione narrativa. Con uno scritto introduttivo di Angelo Ferracuti.
NUOVA EDIZIONE – Con l’introduzione di Angelo
Ferracuti e la postfazione di Paolo Lambruschi, inviato di Avvenire[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]